I giorni 16/17/18/19 Marzo 2015, le classi II E e III D del Liceo Scientifico Statale “Leon Batttista Alberti” di Napoli, per un totale di 40 alunni, accompagnati dai docenti Proff. Palmira Masillo e Stefania Felicità, hanno compiuto un viaggio di istruzione sponsorizzato da “ENI e Fondazione ENI Enrico Mattei” nel cuore della Basilicata, per conoscere ed approfondire le tematiche delle diverse fonti di energia.

Il percorso assolutamente innovativo, formativo ed interessante, ha consentito a studenti e docenti di avere accesso esclusivo ad una realtà conosciuta a pochi; in Basilicata, infatti, è situato il più grande giacimento di petrolio on-shore, ovvero di perforazione a terra, dell’Europa occidentale. Qui, in particolare al Centro oli di Viggiano, è stato possibile assistere al processo di trattamento di separazione dell’olio estratto dai pozzi dal gas e dall’acqua; l’olio grezzo cosi ottenuto, viene successivamente trasportato, come mostrato ai discenti, nella raffineria di Taranto, attraverso un oleodotto dove, poi, avviene una distillazione frazionata che ne prelude il successivo smistamento.

L’accesso a questo sito, è stato preparato con un preventivo video proiettato nel bus turistico utilizzato come transfer, nel quale sono state mostrate le complesse misure di sicurezza rispettate da tutti gli operatori impiegati che portavano con sè, in appositi contenitori, maschere anti-gas le cui modalità di utilizzo, poi, sono state mostrate a tutti i partecipanti.

Un altro luogo di interesse è stato Tramutola, il paese dell’energia. Qui, è iniziato tutto tra gli anni ‘30 e ‘50, quando, attraverso le prime trivellazioni, affiorava per la prima volta acqua mista a petrolio ed acqua calda a 32° contenente discrete percentuali di gas. Si tratta di un bellissimo ed immenso bosco nel quale sono presenti diversi corsi d’acqua che all’emersione dalla fonte appaiono scuri e melmosi perché ricchi di idrocarburi e che successivamente, verso lo sbocco nel fiume, diventano limpidi come acqua sorgiva in quanto purificati durante il loro corso.

E’ stato molto interessante, tra le altre cose, la visione di un antica torre di perforazione.

A seguire, si è visitato il parco eolico di Montemurro, dove sono state mostrate le cosiddette torri eoliche che con le loro pale collegate ad un generatore, trasformano il movimento in energia elettrica.

In particolare più aereo generatori collegati insieme, formano le “wind-farm”, fattorie del vento, che sono delle vere e proprie centrali elettriche.

Nella zona sono, altresi’, presenti numerose dighe che arginano e gestiscono gli abbondanti corsi d’acqua.

Infine, grazie all’elavato indice di irraggiamento solare annuo di questa parte della Basilicata, è presente, in Val D’Agri, uno dei più grandi parchi fotovoltaici Lucani, proprio nel comune di Viggiano, oggetto anche quest’ultimo, di un interessante passaggio.

Ai ragazzi, è stato mostrato un piccolo pannello fotovoltaico già ultimato, ed è stata offerta l’opportunità di assemblarne uno al  momento.

A cornice turistica del bel viaggio di istruzione, nel corso della ultima giornata è stata programmata una escursione con visita guidata alla città di Matera con i suoi famosi sassi.

L’organizzazione del tour si è avvalsa della fattiva e puntuale collaborazione di personale che avvicendandosi, ha reso agevoli e riuscite tutte le varie tappe previste; ottimale è stata anche la sistemazione alberghiera presso l ‘Hotel Pietrapanna di Calvello (PZ), frazione che si trova a circa 40 Km a sud di Potenza, nel cuore dell’Appennino Lucano.

Un plauso particolare va all’ ENI che ha organizzato in modo impeccabile puntuale ed efficace questo tour offrendo a tutti i partecipanti un’esperienza piacevole da proporre negli anni a venire.