Ultime Notizie

Prev Next

Università "Sapienza" di Roma …

19-09-2018 Hits:7 Comunicazioni Mariavittoria - avatar Mariavittoria

Il giorno 27 settembre 2018, dalle ore 15.00 alle 19.00, si  terrà la giornata di studio VERSO LA PROFESSIONE DOCENTE. Come strutturare la formazione in situazione per favorire l’acquisizione della...

Read more

La contrattazione integrativa d’Istituto…

06-09-2018 Hits:45 Comunicazioni Mariavittoria - avatar Mariavittoria

L’ANP organizza nel mese di settembre un ciclo di assemblee sindacali su “La contrattazione integrativa d’Istituto alla luce del nuovo CCNL del comparto scuola”. Durante gli incontri, aperti ai dirigenti...

Read more

I.E.R.F.O.P Onlus - Corso Braille I live…

06-07-2018 Hits:63 Comunicazioni Mariavittoria - avatar Mariavittoria

Pubblichiamo in allegato la locandina del corso Braille I livello che si trova anche sulla piattaforma Sofia. Clicca qui per visualizzare la locandina del corso di formazione

Read more

Call Maker Faire 2018

14-06-2018 Hits:123 Comunicazioni  - avatar

Pubblichiamo in allegato il comunicato riguardante "Maker Faire Rome 2018", il più grande evento europeo sull'innovazione dedicato ai maker, un luogo dove gli innovatori del terzo millennio presentano mostrano i...

Read more

“La didattica per competenze: il nodo d…

05-06-2018 Hits:147 Comunicazioni  - avatar

In allegato, presentazione e scheda di adesione alle attività di sviluppo operativo sull'argomento: “La didattica per competenze: il nodo della valutazione tra cambiamenti normativi e aspetti docimologici". Allegati: - presentazione - scheda di adesione alle attività di...

Read more

Mario Rusconi - Occorre valorizzare i do…

04-06-2018 Hits:150 Comunicazioni  - avatar

[tratto da Il Tempo di Sabato 02 Giugno 2018] Caro Ministro, caro Marco, nel farti i migliori auguri per l’impegnativa funzione alla quale sei chiamato, mi piace ricordare il periodo in cui...

Read more

Intervento della DS Francesca Sciamanna …

12-03-2018 Hits:340 Comunicazioni  - avatar

Importante intervento della Dirigente Francesca SCIAMANNA, CPIA "Giuseppe Foti" Viterbo /Roma, circa l'esperienza sul raccordo CPIA/FORMAZIONE PROFESSIONALE, al Convegno dei Cpia Toscana  sui crediti informali e non formali. Clicca qui per...

Read more

Borse di studio finanziate da Link Campu…

09-01-2018 Hits:400 Comunicazioni  - avatar

L'Università degli studi Link Campus University e INPS - Gestione Ex-INPDAP mettono a disposizione borse di studio per l'iscrizione ai Master di I livello e di II livello per l'anno...

Read more
More from this category

La previdenza complementare come funziona.

Prima di addentrarci sullo specifico occorre affrontare preliminarmente il problema cruciale che ruota attorno all’utilizzo del trattamento di fine rapporto.

La possibilità di utilizzare il TFR quale forma di finanziamento per la previdenza complementare è stata concepita come una delle maggiori opportunità offerte ai dipendenti per costruirsi un’adeguata pensione integrativa.

I lavoratori più giovani sono quelli che, gioco forza, sono maggiormente interessati alle forme pensionistiche complementari

 Invece si è rivelata la principale molla psicologica che ne ha bloccato il decollo.

Volendo stipulare una polizza vita con la previsione di farsi corrispondere una rendita di una certa consistenza, si devono versare dei premi mensili molto alti. Per superare questo handicap e favorire il risparmio previdenziale, si pensò di utilizzare il trattamento di fine rapporto.

Mediante l’utilizzo del Tfr non si devono versare somme consistenti, il sacrificio che si chiede, diventa accettabile, in sostanza il solo versamento minimo dell’1% della propria retribuzione utile al Tfr, in genere 20/30 euro mensili. In questo caso si aggiunge il versamento di una somma analoga da parte del datore di lavoro.

Ma quello che doveva costituire un facilitatore per le adesioni, si è rivelato alla lunga un freno, specie per i dipendenti del pubblico impiego scuola compresa

Il Trattamento di Fine Rapporto è una forma di retribuzione differita, liquidata al momento della cessazione del lavoratore pubblico dipendente. Si determina accantonando, per ogni anno di lavoro il 6,91% della retribuzione ed è rivalutato, su base composta, al 31 dicembre di ogni anno, di una percentuale costituita dall’1,5% in misura fissa e dal 75% dell’indice Istat dei prezzi al consumo.

I dipendenti pubblici assunti dopo il 31.12.2000 hanno il Tfr.

Quelli assunti prima sono in regime del Trattamento di Fine Servizio (indennità di buonuscita – indennità premio di servizio – indennità di anzianità) e l’adesione al Fondo comporta un percorso completamente diverso.

Assilla il pensiero che i propri risparmi siano investiti in borsa alla stessa stregua delle puntate alla roulette in un Casinò di Las Vegas o della Slovenia.

Il fallimento del fondo pensione americano Enron del 2001 non è assolutamente replicabile in Italia. Innanzitutto perché qui non ci sono fondi aziendali che comprano proprie azioni perché scatta il conflitto d’interessi e poi perché i fondi italiani non possono fallire (comma 5 art 15 Dlvo 205/05).

 Permane e sussiste il dilemma:

-Tfr alla cessazione, con rendimento certo o il Tfr al Fondo Espero per il personale della scuola con rendimento aleatorio?

In questo quadro di sfiducia e d’incertezze, solo i Pip, i piani pensionistici individuali, sono in aumento, perché non è obbligatorio versare il Tfr.

Molti si spaventano dal fatto che la scelta alla previdenza complementare è irreversibile quasi a perdere la disponibilità dei propri soldi, come se il Tfr fosse invece disponibile in qualsiasi momento.

Invece non è così. Il Tfr diventa disponibile alla cessazione del rapporto di lavoro e per i pubblici dipendenti addirittura dopo due anni dal pensionamento e solo in casi eccezionali prima.

Con il Fondo si può chiedere un’anticipazione dopo otto anni d’iscrizione e il riscatto a favore dei beneficiari in caso di decesso.

Infine quando si andrà in pensione, si può chiedere la pensione complementare, chiamata rendita, calcolata su tutto il montante accumulato. Oppure chiedere il versamento del 50% del capitale accumulato tutto assieme, una tantum come si dice, e il rimanente 50% in rendita.

Se il 70% del montante accumulato dà una rendita inferiore al 50% dell’assegno sociale, anche in questo caso si può chiedere il versamento di tutto il capitale.

Cosa fare

E’ necessaria una consulenza indipendente e neutrale - da compiersi in presenza, per un confronto immediato, completo e approfondito con la persona interessata – mantenendo un punto di vista tecnico-normativo ed economico che consenta al singolo lavoratore di:

- assumere le informazioni tecniche necessarie al fine di scegliere liberamente e consapevolmente l’adesione alla previdenza complementare Fondo Espero e conoscere i fattori soggettivi e oggettivi da valutare prima di aderire.

 

Marzo 2018              

Giuliano Coan

Consulente in diritto previdenziale

Docente in materia

Autore di studi e pubblicazioni