Oggi, 23 luglio, presso il MIUR, si è tenuta la prevista informativa con le OO.SS. riguardo alla graduatoria del concorso, all’assegnazione dei vincitori agli Uffici scolastici regionali e all’esame del Decreto Ministeriale sulla formazione dei dirigenti scolastici neoassunti.

L’Amministrazione, rappresentata da Capo Dipartimento dell'Istruzione, ha comunicato che gli idonei sono in totale 3420, dei quali saranno dichiarati vincitori 2900 unità.
Sono state richieste al MEF 2117 autorizzazioni all’immissione in ruolo per tutti i posti vacanti e disponibili. Di questi, 1982 appartengono alla procedura concorsuale in corso.
La pubblicazione della graduatoria nazionale è prevista per il 29 o 30 luglio contestualmente all’indicazione del numero dei posti effettivamente disponibili nelle regioni.
Per quanto riguarda i benefici previsti dalla L. 104/1992, l’Amministrazione ritiene che questi rilevino al momento dell’assunzione in servizio e quindi rientrino nella competenza dei Direttori degli USR.
Le eventuali rinunce all’incarico dirigenziale saranno gestite con lo scorrimento della graduatoria generale a livello nazionale.
L’Amministrazione è orientata ad acquisire le preferenze relative alla regione di assegnazione anche da parte dei riservisti ma non procederà all'attribuzione dei relativi incarichi fino allo scioglimento della riserva.
La procedura di assegnazione incarico prevede la seguente tempistica:
- dal 31 luglio al 2 agosto i vincitori indicheranno le proprie preferenze rispetto alle 17 regioni e vi saranno assegnati secondo il punteggio conseguito fino ad esaurimento dei posti disponibili;
- dal 5 agosto il MIUR provvederà all’assegnazione dei candidati alle regioni e successivamente i direttori dell’USR assegneranno l’incarico secondo le modalità previste dal D.lgs 165/2001. A questo riguardo l’ANP ha chiesto l’apertura di un tavolo di confronto sui criteri di assegnazione delle sedi ai neodirigenti.
L’ANP ha invitato l’Amministrazione a osservare la massima trasparenza nelle procedure di nomina, chiedendo anche di sollecitare i Direttori Generali dei singoli USR a rendere note, accanto ai posti disponibili, le sedi vacanti, comprese quelle coperte da incarichi nominali.
L’ANP continuerà a seguire attentamente le prossime fasi della procedura concorsuale sostenendo i neodirigenti e offrendo il proprio fattivo contributo alla loro formazione.