Il giorno 28 agosto alle ore 11.00 si è svolto l’incontro a distanza tra USR LAZIO e OOSS per discutere sui seguenti punti all’odg: 

  1. Immissioni in ruolo Dirigenti scolastici a.s. 2020/2021;
  2. Incarichi di Presidenza e Reggenze a.s. 2020/2021;
  3. Varie ed eventuali.

 Presenti per la delegazione ANP Lazio: Patrizia Marini, Anna Messinese, Francesco Di Tullio, Cristina Costarelli, Mario Rusconi. 

  • L’USR Lazio informa che il numero delle cessazioni del servizio dei DS è di 52 unità: 3 avvenute nel corso dell’anno e 49 pensionamenti. A seguito delle operazioni di mobilità, sono risultati disponibili 54 posti per immissioni in ruolo. Di questi 54 posti, 50 sono stati assegnati ai DS neo- immessi in ruolo, mentre 4 sono accantonati per DS in graduatoria con riserva: le rispettive sedi saranno in reggenza fino all’espressione delle sentenze di ricorso.
  • Per le reggenze rimangono 87 sedi libere (nominali e sottodimensionate). L’aggiornamento del numero delle sedi, che ha comportato alcune variazioni, è stato determinato dall’allineamento progressivo dei flussi INPS. Gli Incarichi di presidenza sono 3.
  • Rispetto alla continuità delle reggenze viene chiesto di evitare le nomine d’ufficio: l’USR risponde che purtroppo ci sono sedi molto lontane e difficili da raggiungere per cui non vengono richieste e l’USR deve ricorrere all’ assegnazione d’ufficio. Viene espressa ed accolta l’osservazione secondo cui è bene affidare le reggenze a Dirigenti di consolidata esperienza a causa della estrema fragilità delle scuole in reggenza, oltre a condividere il fatto di tenere in massima considerazione il criterio della vicinanza tra sedi per agevolare il lavoro del dirigente scolastico. È possibile che ci siano successivamente altre disponibilità, per cui numero indicato per le reggenze è da ritenersi ancora in aggiornamento. I DS che fruiscono dei benefici della legge 104 possono rappresentare la situazione personale al DG al fine della non attribuzione della reggenza.
  • Viene evidenziata la difficoltà delle scuole senza DSGA, per cui si chiede di nominarli il più presto possibile per evidenti ragioni amministrative e contabili. Il DG comunica che la commissione di concorso ha quasi finito di correggere il primo scritto e ricorda che, salvo provvedimenti amministrativi, non è possibile immettere in ruolo durante l’anno scolastico. Quindi anche quest’anno le sedi scoperte da DSGA andranno in reggenza o verranno coperte dai facente funzione.
  • Si richiede di velocizzare per i DS le profilature sulla piattaforma Sidi: l’USR risponde che l’operazione è complessa e al momento c’è poco personale, ma l’ufficio farà di tutto per poter risolvere il problema nel più breve tempo possibile.
  • Dei 219 contratti stipulati a seguito delle conferme di incarico e della mobilità, circa 70 DS non hanno firmato digitalmente in formato grafico. Viene chiesto ai presenti di sollecitare i DS a firmare il contratto secondo queste modalità, altrimenti i contratti non vengono accettati dalla Corte dei Conti.
  • Viene posta la questione dell’organico Covid: dopo la prima assegnazione, più di 40 scuole hanno segnalato situazioni problematiche e si è proceduti ad una seconda assegnazione con una nuova distribuzione del personale. Al momento sono state accolte il 50 per cento delle richieste: le attese sono quelle di poter coprire integralmente le richieste di docenti del  primo ciclo e tutte le richieste di collaboratori scolastici. Non sono previsti in organico Covid ulteriori assistenti tecnici, amministrativi e docenti per la secondaria superiore rispetto a quelli in organico. Il DG ricorda che nel monitoraggio era chiaro che il personale doveva essere richiesto solo per lo sdoppiamento di classi; nel caso di modifiche e di nuovi assetti attuali è possibile comunicare le variazioni. Alle supplenze, anche quelle Covid, si applicano le regole dell’ordinanza 60: il supplente che non accetta la nomina deve essere posto in coda alle graduatorie.
  • In relazione alla fornitura dei banchi il Direttore comunica che il Lazio avrà le consegne in via prioritaria vista l’attuale situazione di rischio. Si prevede la consegna in 3 momenti: entro il 14 settembre, tra fine settembre ed inizio ottobre, a fine ottobre.

 

 28 agosto 2020  

Mario Rusconi